Come creare una lista di potenziali clienti con i video

Nel mondo del marketing si dice che “i soldi sono nella lista”.


Ecco perché nell’articolo di oggi voglio spiegarti come creare una lista di e-mail di contatti interessati ai tuoi prodotti e servizi, grazie ai contenuti video.


Spesso i video non vengono menzionati tra gli strumenti utili a creare una lista, ma in realtà sono una delle opzioni che puoi avere a disposizione perché, di fatto, sono dei contenuti.

Questo non significa che siano la tipologia di contenuto più adatta per chiunque.

Qualcuno si sentirà più a suo agio a creare un video per realizzare una lista, qualcun altro probabilmente no.

In ogni caso, ti suggerisco di valutare questa opzione.

Secondo la mia esperienza esistono 3 tipi di contenuti video che puoi utilizzare per attirare persone e creare una vera e propria lista di contatti.

Vediamoli di seguito:

1. I WEBINAR DI CONTENUTO


Il webinar è una presentazione online che le persone possono seguire comodamente collegandosi dal proprio pc o smartphone.

Esistono moltissime tipologie di webinar. Per farti degli esempi concreti, il webinar può:

  • essere di contenuto, in cui le persone assistono alla trasformazione che possono realizzare grazie al tuo prodotto o servizio;

  • fornire agli spettatori informazioni che non hanno trovato altrove e che quindi sono di grande valore per loro;

  • essere un condensato di conoscenze che di solito non si vedono in giro.


Qualunque sia la tipologia di webinar che andrai a preparare, l’importante è che alla fine ci sia SEMPRE una Call To Action (o CTA), cioè una “chiamata all’azione” che possa portare lo spettatore ad acquistare direttamente il tuo prodotto o servizio, oppure a entrare in contatto con te tramite una consulenza.


Uno strumento come il webinar, con la sua CTA alla fine, è molto utile perché ti aiuta a farti entrare in contatto con le persone tramite uno scambio: tu “regali” il tuo tempo e loro in cambio lasciano il proprio contatto.


Il webinar può essere tenuto in live - quindi ti colleghi in diretta con videocamera e slide e parli - altrimenti puoi valutare di usare strumenti che ti permettono di automatizzare il contenuto e, di conseguenza, di essere attivo h24 nel recupero di lead.


2. VIDEOCORSO GRATUITO


Il videocorso gratuito deve essere un contenuto di valore.

Tendenzialmente si articola in 2 o 3 ore racchiuse in un video unico o in più mini video che rilasci secondo un calendario prestabilito.


Perché deve essere di grande valore?

Perché deve invogliare chi ti ha lasciato il proprio contatto a rimanere iscritto alla tua mailing list.


Al contrario, se le persone rimangono deluse dal contenuto del tuo videocorso, la probabilità che si disiscrivano e non leggano più le tue mail è molto alta. Non è di certo quello che vuoi.


Se decidi di creare un videocorso, ricorda che il tuo obiettivo è far arrivare chi guarda fino alla fine del video e fargli pensare che tu sei un vero esperto in quel campo.

La persona che ti guarda deve uscire convinta di voler seguire proprio te per formarsi o per acquistare prodotti o servizi.


3. CLOSE FRIENDS / COMMUNITY


Questa terza modalità è quella un po’ più creativa e particolare.

Ti farò l’esempio di Instagram, ma considera che questa modalità funziona anche se hai una community su un’altra piattaforma, un gruppo Facebook privato, un canale Telegram… Insomma, funziona per qualsiasi luogo virtuale in cui puoi riunire un gruppo selezionato di persone.


Veniamo dunque a Instagram.

Cosa sono i Close Friends? Sono un gruppo di persone selezionate che possono vedere delle stories in esclusiva.


Per entrare nei Close Friends gli utenti devono chiederti il permesso e qui avviene il contatto. Per creare la tua lista di contatti, potresti rimandare gli interessati a una pagina di registrazione in cui ti lasciano nome, cognome, indirizzo mail ed eventualmente numero di telefono.


Questo metodo ti permette di far entrare le persone all’interno di un gruppo con il quale tu puoi comunicare tramite contenuti video, creando al tempo stesso un effetto di esclusività per chi ne fa parte.


Quelle che ti ho appena raccontato sono le prime tre tipologie di contenuti video che ti suggerisco di utilizzare per creare una lista di e-mail.


Considera che, qualsiasi modalità tu scelga, dovrai essere in grado di creare contenuti ad hoc per la piattaforma che stai utilizzando.

Non solo, dovrai anche essere bravo a strutturare questi contenuti in maniera efficace, ovvero in modo che lo spettatore possa sentire di avere un vero vantaggio rispetto a chi non guarda i tuoi video.


Riepilogando, per creare la tua mailing list di contatti profilati:

  • Crea un webinar, quindi una struttura di comunicazione video di 30/40/45 minuti - o anche un’ora - per poterlo utilizzare come ingresso all’interno del tuo funnel;

  • Crea un minicorso o una serie di video che possono essere utili ad acquisire un’informazione che - a oggi - la gente non ha e che riceve in cambio di una mail o di un contatto;

  • Crea un luogo virtuale dove portare le persone per comunicare direttamente con loro in cambio di una mail.

Se l’articolo ti ha incuriosito e pensi che vorresti inserire i video all’interno della tua strategia di comunicazione, ma non sai come fare, puoi prenotare un posto alla mia Masterclass “Video in 21 Giorni”.

In questa Masterclass ti spiegherò come realizzare in autonomia i tuoi contenuti video e come inserirli all’interno della tua strategia di comunicazione e marketing.



0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Semplice è meglio, soprattutto nei video. Cosa significa questa frase? Non so se ti sei ritrovato anche tu in questa situazione, ma spesso quando si creano contenuti si cerca di mettere “tanta carne a