Qual è il miglior social per i video?

Non tutti i social sono adatti alla pubblicazione di video, ma ce ne sono 3 che sono perfetti.


YOUTUBE


È il social che ha registrato il maggior tasso di crescita nella sua storia: un terzo di tutti gli utenti di internet sta guardando un video proprio su questa piattaforma. Costantemente. Ogni giorno.

La leggenda narra (ci sono infatti versioni discordanti tra i fondatori) che ad una festa, vedendo tutti gli invitati immortalare momenti unici con i loro smartphone, due dei tre fondatori si domandassero: “Come possiamo far vedere questi video anche ad altre persone che non sono qui alla festa?”. Detto fatto ecco il nuovo social. Ne è passata di acqua sotto i ponti da quel 23 Aprile 2005 in cui Karim (cofondatore di YouTube) parlava davanti alla gabbia degli elefanti.

Il grande vantaggio di questo social è che ti permette di creare una community: non hai limiti nel numero di video o della durata, i tuoi clienti possono scrivere recensioni, lasciare dei commenti, votare il tuo contenuto.

Con i nuovi aggiornamenti puoi anche fare delle dirette (anche con altri invitati), inviare contenuti e fare delle storie, per non essere da meno rispetto ai social “più giovani”. Nel Dicembre 2019 si conferma la piattaforma social preferita dagli italiani grazia ai 36173 milioni di persone raggiunte.


INSTAGRAM

Nasce nel 2010 come luogo in cui pubblicare le proprie foto in un formato specifico, ovvero 1:1.

Da quando è stata acquistata nel 2012 da Facebook ha visto una crescita esponenziale che l’ha portata, nel maggio 2019, a festeggiare 1 miliardo di iscritti.

A partire da giugno 2018 il social ha iniziato a farsi strada prepotentemente anche nel mondo dei social video grazie al lancio della IGTV: ovvero la possibilità di postare video della lunghezza massima di 10 minuti. Secondo una ricerca relativa al 2019 la permanenza media degli italiani su questo social è di 7 ore mensili.

TIKTOK

Nasce nel 2016 inizialmente con il nome musica.ly per dare spazio anche ad artisti emergenti e desiderosi di farsi conoscere.

Il suo punto di forza: i filtri e gli effetti particolari da aggiungere ai propri contenuti.

Puoi “doppiare” in base al tuo bisogno un pezzo di un film famoso, seguire e copiare il trend del momento.

L’utente medio trascorre 52 minuti al giorno.

In America è stato limitato il suo utilizzo a causa di uno scandalo che ha coinvolto anche la CIA. Trump ha deciso di bloccare direttamente il download dell’applicazione che dal 28 Settembre non è più possibile negli States, per chi avesse già l’app sul proprio telefono non potrà aggiornarla più.

Questi sono i social che lavorano tramite i video ma la domanda più importante è tu i tuoi video dove li devi mettere? Dove c’è il tuo target.


Se vuoi capire come integrare i video nella tua strategia di comunicazione on-line o creare una strategia di video-marketing mirata per aumentare le tue conversioni compila il form che trovi nel link qui sotto.


38 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti